Cerca

Per vedere tutte le ricette contenenti un determinato ingrediente utilizzare il "Cerca".
Ad esempio per "saraceno", digitare la parola "saraceno" nella casella vuota quindi fare clic sul pulsante "Cerca".
Lo stesso per cercare ricette con altre parole, ad esempio "prezzemolo", ecc...


Per vedere le ricette relative ad uno specifico gruppo sanguigno è invece preferibile utilizzare le etichette, vedi in fondo a destra

domenica 31 luglio 2011

Gelato di Prugne con latte di soia e miglio



L'ho fatto senza usare la gelatiera
  • 800 gr di polpa di prugne sbucciate
  • 100 gr di zucchero
  • 400 gr di latte di soia (il più semplice possibile...)
  • 2 uova
  • 5 ml di farina di miglio (...sarebbe 1 cucchiaino)  IL MIGLIO E' FACOLTATIVO, IL GELATO VIENE BENISSIMO ANCHE SENZA!!!!



Romolo non l'abbiamo nemmeno visto ma ci ha fatto trovare le prugne del suo mitico albero.Un albero che in primavera si carica di così tanti fiori che appena diventan frutti bisogna tirarne via secchiate e metter sostegni sotto i rami. Quando la frutta è troppa si usa far marmellata. ...Io preferisco farne granite o gelato ;)



Belle le prugne di Romolo!
forse bisognerebbe chiamarle susine?
chissà...ma tanto il gelato viene lo stesso ;)

Con santa pazienza ho denocciolato e sbucciato le prugne fino ad aver 800 gr di polpa.

Se ne avessi avute meno avrei ridotto in proporzione gli ingredienti.

Ho frullato la polpa
e messo a bollire il latte di soia
mentre sbattevo uova e zucchero col minipimer
unendo anche il miglio. (L'ho rifatto dopo le osservazioni di Marco senza usare il miglio e viene bene lo stesso)


Una volta bollito il latte l'ho incorporato all'impasto un filino alla volta mescolando continuamente,
se no le uova si sodano,
come appresi ai tempi che furono,
dal "Manuale di Nonna Papera" ... ;)

Ho rimesso l'impasto sul fuoco continuando a mescolare
fino ad ebollizione.

Quindi incorporato la crema alle prugne,

amalgamato,

distribuito in pirottini che, una volta raffreddati, ho messo in freezer.

Non ho utilizzato la gelatiera,
se non vien mangiato subito, il gelato ottenuto,
va comunque frullato
e stavolta intendevo farlo proprio per mangiarlo man mano nelle future colazioni o merende.

...


Così, quando ne abbiamo avuto voglia, ho tolto il gelato dai pirottini congelati (immergendoli un attimo in acqua calda)

e col frullatore ad immersione l'ho reso cremoso



Eccolo!



in alcune colazioni l'abbiamo
accompagnato
in altre ci abbiamo farcito 
alla moda di cannoli

il che non va bene!!!
è una combinazione errata, vedi sotto...




La ricetta e la dieta dei gruppi sanguigni (emodieta):

come già detto per il gelato di pesche,
il miglio può andare per tutti i gruppi sanguigni, ottimo per AB, è privo di glutine, il dottor Mozzi consiglia di non mangiarlo la sera.

Il latte di soia per il gruppo B andrebbe sostituito col latte (beati loro ...) e probabilmente il loro gelato non dovrà neppure esser frullato una volta tolto dal congelatore.

Le prugne D'Adamo le dà benefiche per tutti! MA ringrazio anche qui Marco per avermi ricordato che:

secondo il dott. Mozzi Il MIGLIO NON VA UNITO ALLO ZUCCHERO, quindi pancake, crepes, gelati in cui l'ho usato sono eccezioni e non solo perchè dolci.

rigorosamente senza miglio! ricetta adatta ai gruppi 0, A, B, AB



1 commento:

Marilena ha detto...

ringrazio anche qui Marco per avermi ricordato che:
Il MIGLIO NON VA UNITO ALLO ZUCCHERO, quindi pancake, crepes, gelati in cui l'ho usato sono eccezioni e non solo perchè dolci.

Posta un commento

CHE NE PENSI? VUOI DIRMELO? (Lascio la possibilità di inviare tecnicamente commenti anonimi ma da ora in poi cancellerò quelli privi di firma.)